>

Amarisiciliani

Semplici, artigianali, siciliani

Origine dei nomi e caratteristiche

Sabbenerica è un’espressione antica o meglio un antico saluto usato fino agli anni ’50 dai nonni e bisnonni siciliani. Letteralmente significa “sia benedetto”. Era appunto una forma di benedizione che ci si scambiava per le strade dei paesi siculi. Solitamente al “sabbenerica” si rispondeva “a lei e all’amici” o più raramente “santu e riccu” (Che tu sia santo e ricco), come forma di augurio di una splendida giornata. L’amaro è senza dubbio il fine pasto più consumato in Italia, grazie al suo potere altamente digestivo ed è apprezzato da molti anche per le sue virtù medicinali.

E’ arrivato l’Allorino invece nasce dal riferimento all’arrotino, professione artigiana che consisteva nella molatura e affilatura delle lame. Il mitico tormentone, da noi ovviamente modificato era: “donne, è arrivato l’arrotino: arrota coltelli, forbici, forbicine…”. L’alloro viene comunemente impiegato per alleviare le coliche, i disturbi dello stomaco e per favorire la digestione. Inoltre è utile per favorire l’alleviarsi di febbre e stati influenzali.

Passionao, è un chiaro riferimento al suo principale ingrediente, il Maracuja, meglio noto come Frutto della Passione. Il frutto della passione contiene proteine, grassi, fibre alimentari, carboidrati e zuccheri. Tra le sue proprietà c’è la presenza di sali minerali, quali potassio, magnesio, sodio, fosforo, calcio, ferro, zinco e selenio. Le vitamine non mancano, soprattutto quelle del gruppo C, A, B2 e B3, K, J e il betacarotene.

Turiddu invece è l’esaltazione del miglior prodotto esistente nella nostra meravigliosa regione, il limone. Turiddu è il nome che abbiamo dato al protagonista di tutte le nostre etichette, ed è una rivisitazione di un tipico nome siciliano, Salvatore. Il liquore è realizzato con buccia di limone degli stessi alberi per tutto l’anno e di conseguenza segue la filiera del limone, ovvero verdello nei mesi che vanno da luglio a settembre, primofiore da ottobre ad aprile, maggiolino nel mese di maggio, bianchetto da giugno a fine luglio.

>